Statuto

Titolo I – DENOMINAZIONE – SEDE - DURATA

Art. 1 – Denominazione, sede e durata dell’Associazione
E’ costituita l'Associazione Culturale denominata “ITALIAN POWER ASSOCIATION”, indicata anche con l’abbreviazione “ITPASS”.
L’Associazione “ITPASS”, di seguito denominata “Associazione”, ha sede in Pescara (PE) alla Via Silvio Pellico n. 28/1.
L’Associazione è apolitica ed apartitica e non ha scopi di lucro, ha durata illimitata nel tempo ed è regolata a norma del Titolo II – Cap. III, art. 36 e segg. del Codice Civile, nonché dal presente Statuto.

Titolo II – FINALITA’ ISTITUZIONALI ED ATTIVITA’

Art. 2 – Finalità istituzionali
L’Associazione persegue le seguenti finalità:

a) diffondere la cultura, la conoscenza, lo scambio di esperienze dirette, lo studio, l'utilizzo e lo sviluppo dei sistemi e delle tecnologie informatiche introdotte nel corso degli anni quali infrastrutture su cui implementare sistemi informativi aziendali, con particolare riferimento alle piattaforme IBM Midrange;
b) avvicinare studenti, utilizzatori, esperti ed istituzioni di formazione alle tecnologie di cui l’Associazione promuove la cultura e la conoscenza;
c) aiutare gli associati nel costante sforzo di aggiornamento delle proprie conoscenze sulle piattaforme IBM Power e nel settore della Information Technology in generale;
d) promuovere la diffusione della cultura di gestione e di organizzazione dei sistemi informativi aziendali.
Nel caso di accertata impossibilità sopravvenuta di conseguire gli scopi istituzionali così come nel caso in cui tutti gli associati sono venuti a mancare, si procederà allo scioglimento dell’Associazione nel rispetto delle disposizioni indicate nell’art. 20.

Art. 3 – Attività
L’Associazione per il raggiungimento dei propri fini istituzionali intende promuovere:
- attività culturali mediante l’organizzazione di convegni, conferenze, seminari, incontri ed eventi di vario genere;
- attività di formazione dei propri associati mediante l’organizzazione e la realizzazione di corsi di aggiornamento teorico/pratici ovvero mediante l’istituzione di gruppi di studio, di ricerca e di sviluppo del software open source (OSS);
- attività di incontro con aziende, società di selezione, enti preposti ed ogni altro ente di natura pubblica e privata;
- attività editoriale mediante la pubblicazione, su riviste specializzate e su canali telematici, di atti di convegni, di seminari, nonchè degli studi e delle ricerche compiute, oltre che mediante attività di produzione, traduzione e diffusione della documentazione sull’open source software e sulla tecnologia Midrange IBM;
- ogni altra iniziativa ritenuta idonea al raggiungimento degli scopi sociali.

Titolo III – SOCI

Art. 4 – Soci
Possono far parte dell'Associazione le persone fisiche che, per la loro attività di lavoro e/o di studio, sono interessate alle finalità dell'Associazione, le persone giuridiche, enti ed associazioni che parimenti ne condividano gli scopi e che si impegnino a realizzarli.
Le persone giuridiche, gli enti e le associazioni associate saranno rappresentate da una persona fisica che abbia, o alla quale sia stata conferita, la rappresentanza dell’ente.
Tutti i soci sono tenuti al versamento di una quota associativa annuale non rimborsabile, la cui entità e le cui modalità di pagamento vengono deliberate annualmente dal Consiglio Direttivo.
Per le persone giuridiche, enti ed associazioni, l'entità della quota associativa annuale, stabilita dal Consiglio Direttivo, è aumentata proporzionalmente al numero di persone fisiche ad essi appartenenti che, all'atto dell'adesione dell’ente, si decide di far partecipare alle attività promosse dall’Associazione. In tal caso, le persone fisiche designate ell'ente associato resteranno in vigore per l'intero anno della partecipazione.
Gli associati che non avranno presentato per iscritto le proprie dimissioni entro il trenta settembre di ogni anno saranno considerati associati anche per l'anno successivo ed obbligati al versamento della quota annuale di associazione.
La quota associativa non è trasmissibile, ad eccezione dei trasferimenti a causa di morte, e non è soggetta a rivalutazione.
Tra gli associati vige una disciplina uniforme del rapporto associativo e delle modalità associative volte a garantire l’effettività del rapporto medesimo.
E' espressamente esclusa la temporaneità della partecipazione alla vita associativa.
I soci sono tenuti ad osservare le regole del presente Statuto oltre che ad impegnarsi nel dare la loro collaborazione all'Associazione per il raggiungimento dello scopo sociale.

Art. 5 – Tipologia di soci
I soci possono essere:
a) soci fondatori: sono tali coloro che intervengono all'Atto Costitutivo; per tutto il resto sono considerati soci ordinari;
b) soci ordinari: sono tali coloro che fanno parte dell'Associazione e che si impegnano a pagare annualmente la quota associativa stabilita dal Consiglio Direttivo;
c) soci sostenitori: sono tali coloro che, condividendo le finalità istituzionali dell’Associazione ed interessati alle attività esercitate, sostengono finanziariamente l'Associazione con il versamento di una quota associativa almeno pari al triplo di quella annualmente deliberata dal Consiglio Direttivo per i soci ordinari.

Art. 6 – Ammissione dei soci
La qualità di socio si acquista dietro presentazione di domanda di ammissione opportunamente corredata da informativa sulla privacy ed è deliberata, insindacabilmente, dal Consiglio Direttivo.
In caso di domande di ammissione a socio presentate da minorenni le stesse dovranno essere controfirmate dall’esercente la patria potestà parentale.

Art. 7 – Diritti dei soci
Tutti i soci hanno il diritto di:
a) partecipare ad ogni attività che l’Associazione, per il raggiungimento del proprio fine istituzionale, prevederà nel corso della propria esistenza, beneficiando di tutte quelle agevolazioni che potranno stabilirsi in conformità alle esigenze di bilancio;
b) partecipare alle Assemblee Ordinarie e Straordinarie e partecipare alle deliberazioni delle stesse; tutti i soci godono dell’elettorato attivo e passivo;
c) partecipare alle elezioni degli Organi Sociali.

Art. 8 – Doveri dei soci
L'ammissione a socio comporta il dovere di:
a) osservare i principi e le norme del presente Statuto, nonché tutte le deliberazioni valide degli Organi Sociali;
b) cooperare al raggiungimento dei fini istituzionali;
c) astenersi da ogni attività contraria agli interessi dell'Associazione.

Art. 9 – Perdita della qualità di socio
La qualità di associato si perde per dimissione volontarie o esclusione.
Le dimissioni volontarie devono essere comunicate per iscritto a mezzo lettera raccomandata A.R. al Consiglio Direttivo ed avranno effetto con lo scadere dell'anno in corso, purché siano presentate entro il trenta settembre dello stesso anno.In ogni caso, il socio dimissionario non ha diritto al rimborso della quota annuale.
L’esclusione è deliberata dal Consiglio Direttivo nei casi in cui:
1. il socio si renda moroso nel versamento della quota associativa per un periodo temporale superiore a trenta giorni dalla scadenza;
2. il socio si adoperi in azioni ritenute disonorevoli per l’Associazione e che rendono incompatibile la sua presenza tra gli iscritti;
3. il socio non ottemperi alle disposizioni statutarie, dei regolamenti, delle delibere assembleari o del Consiglio Direttivo.

L'esclusione dall'Associazione dovrà essere comunicata all'associato il quale, entro i trenta giorni successivi, può ricorrere all'Assemblea mediante raccomandata inviata al Presidente dell'Associazione. Il socio definitivamente escluso con delibera valida dell’Assemblea Straordinaria non può essere più riproposto.

Titolo IV – ORGANI DELLA ASSOCIAZIONE

Art. 10 – Organi dell'Associazione
Gli Organi dell'Associazione sono:
a) l’Assemblea degli associati;
b) il Consiglio Direttivo;
c) il Presidente;
d) il Collegio dei Revisori che, nel caso divenga necessario, può essere istituito con delibera dell’Assemblea Ordinaria.

Art. 11 – L'assemblea degli associati
L’Assemblea dei soci, quale organo sovrano dell’Associazione, è costituita da tutti i soci ognuno dei quali, qualora maggiorenne di età, ha diritto di voto per le deliberazioni assembleari, per l’approvazione e le modificazioni dello Statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell’Associazione.
Le modalità di votazione seguono il principio del voto singolo di cui all’art. 2532, comma 2, del Codice Civile; vale a dire che ogni associato può esprimere un solo voto.
L’Assemblea è convocata a cura del Consiglio Direttivo in via ordinaria almeno una volta l’anno entro il termine di centoventi giorni dalla chiusura dell’esercizio sociale per l’approvazione del bilancio consuntivo dell'anno precedente e del bilancio preventivo per l'anno in corso oppure in via straordinaria su iniziativa del Presidente o su richiesta di almeno un terzo degli associati.
L'Assemblea, sia essa ordinaria che straordinaria, dovrà essere convocata mediante avviso tramite raccomandata A.R. da recapitarsi agli associati nel loro domicilio oppure mediante comunicazione a mezzo posta elettronica almeno otto giorni prima della data fissata per la convocazione.

Delle convocazioni assembleari deve essere data pubblicità mediante affissione all’albo della sede del relativo avviso di convocazione.
Ogni associato avente diritto di voto può farsi rappresentare in Assemblea, mediante delega scritta anche in calce all’avviso di convocazione, da un altro associato avente lo stesso diritto di voto.
Ogni associato non può essere portatore di più di tre deleghe.
All’inizio di ogni sessione l’Assemblea elegge un presidente ed un segretario che dovranno sottoscrivere il verbale finale.
In prima convocazione l'Assemblea Ordinaria e l’Assemblea Straordinaria sono validamente costituite qualora siano presenti, di persona o tramite delega, un numero di soci pari almeno alla metà degli associati in regola con il versamento della quota sociale e le relative deliberazioni saranno prese a
maggioranza dei voti espressi.
Qualora non si raggiunga il quorum costitutivo, l'Assemblea verrà riconvocata entro e non oltre il termine dei trenta giorni successivi alla prima convocazione.
La data della seconda convocazione può essere fissata nello stesso avviso di convocazione della prima.
In seconda convocazione l'Assemblea Ordinaria e l’Assemblea Straordinaria delibereranno a maggioranza dei voti espressi, qualunque sia il numero dei soci che, di persona o tramite delega, siano intervenuti in Assemblea.
Per le modifiche del presente Statuto, occorre che siano presenti, di persona o tramite delega, un numero di soci almeno pari ai tre quarti degli associati ed il voto favorevole della maggioranza dei presenti.
Per deliberare lo scioglimento dell’Associazione e la devoluzione del Patrimonio occorre il voto favorevole di almeno i tre quarti degli associati.
Delle delibere assembleari deve essere data pubblicità mediante affissione all’albo della sede del relativo verbale da compilarsi a cura del segretario, oltre che mediante trascrizione nell’apposito libro dei verbali delle assemblee.
I soci riuniti in Assemblea Straordinaria possono modificare il presente Statuto ma non possono assolutamente modificare gli scopi dell’Associazione stabiliti dal precedente articolo 2.

Art. 12 – Compiti dell'assemblea
Spetta all'Assemblea Ordinaria:
a) approvare il bilancio consuntivo di ogni esercizio, che si aprirà il 1 gennaio e si chiuderà al 31 dicembre di ogni anno;
b) approvare il bilancio preventivo per l’anno in corso;
c) approvare il regolamento interno che disciplina l’attività sociale;
d) deliberare su ogni altro argomento posto all’ordine del giorno;
e) eleggere i membri del Collegio dei Revisori, qualora istituito;
f) eleggere tra i soci i componenti del Consiglio Direttivo;
g) sfiduciare il Consiglio Direttivo.
Spetta all'Assemblea Straordinaria:
a) deliberare in merito alle eventuali modifiche del presente Statuto;
b) deliberare in merito alle eventuali controversie in ordine alla esclusione dei soci;
c) deliberare sull'eventuale scioglimento dell'Associazione.

Art. 13 – Il Consiglio Direttivo
Il Consiglio Direttivo è l’organo amministrativo ed esecutivo dell’Associazione.
Ha l’obbligo/dovere di compiere tutti gli atti amministrativi che ritenga opportuno per dare esecuzione alle delibere assembleari.
Tale organo, i cui componenti sono scelti tra i soci dell'Associazione, è eletto dall’Assemblea Ordinaria ed è composto da un numero massimo di cinque membri e, comunque, sempre in numero dispari.
Per la prima volta la nomina viene effettuata nell’Atto Costitutivo.
Ogni membro del Consiglio Direttivo resta in carica tre anni ed è liberamente rieleggibile. In caso di morte o di dimissioni di consiglieri prima della scadenza del mandato, il Consiglio Direttivo provvederà alla loro sostituzione con la nomina del primo socio risultato non eletto per la carica di consigliere che resta in carica fino alla scadenza naturale del suo predecessore.

Il venire meno, per qualsiasi motivo, di oltre la metà dei membri del Consiglio Direttivo comporta la decadenza del Consiglio stesso il quale, entro il termine di sessanta giorni, deve essere rinnovato mediante elezioni.
Inoltre, il Consiglio Direttivo si ritiene decaduto qualora l’Assemblea Ordinaria ne abbia deliberato la sfiducia sebbene rimane ugualmente in carica fino a quando l’Assemblea non abbia indetto nuove elezioni da svolgersi entro il termine di sessanta giorni dalla sfiducia.
In caso di parità di voti all’ultimo posto utile, sarà eletto il socio con la maggiore anzianità di iscrizione all’Associazione.
Il Consiglio Direttivo è convocato ogni qualvolta il Presidente lo ritenga opportuno o lo richieda la maggioranza dei suoi componenti, mediante avviso tramite raccomandata A.R. da recapitarsi ai consiglieri nel loro domicilio oppure mediante comunicazione a mezzo posta elettronica, almeno otto giorni prima della riunione; in caso di urgenza il predetto termine può essere ridotto a tre giorni.
Il Consiglio Direttivo può riunirsi fisicamente in qualsiasi luogo ritenuto opportuno, ma può riunirsi anche “virtualmente” facendo uso delle tecnologie ogni volta ritenute più idonee allo scopo quali, a titolo meramente esemplificativo, skype call, teleconferenza, ecc.
Il Consiglio Direttivo è presieduto dal Presidente o, in sua assenza, dal Vice–Presidente.
Le riunioni del Consiglio Direttivo sono valide quando siano presenti la maggioranza dei suoi membri e le sue deliberazioni sono prese con il voto favorevole della maggioranza dei presenti.
In caso di parità prevale il voto del Presidente dell’Associazione.
Per ogni seduta del Consiglio Direttivo viene redatto, a cura del consigliere all’uopo designato dal Presidente e/o Vice–Presidente un verbale nell’apposito libro dei verbali del Consiglio Direttivo che viene firmato dal Presidente e/o Vice Presidente e dal consigliere che lo ha redatto.
I consiglieri sono tenuti a partecipare attivamente a tutte le riunioni del Consiglio Direttivo.

Il consigliere che, durante un anno sociale, non si presenta, senza giustificato motivo, a tre riunioni del Consiglio Direttivo decade automaticamente dalla carica.
In tali casi il Consiglio Direttivo provvederà alla loro sostituzione con la nomina del primo socio risultato non eletto per la carica di consigliere.

Art. 14 – Compiti del Consiglio Direttivo
Il Consiglio Direttivo è investito di ogni potere per decidere sulle iniziative da assumere e sui criteri da seguire per il conseguimento e l’attuazione degli scopi dell’Associazione e, per la sua direzione, amministrazione ordinaria e, con esclusione dei compiti attribuiti all’Assemblea dal presente Statuto, straordinaria amministrazione.
Nello specifico, il Consiglio Direttivo:
a) fissa le attività necessarie all’attuazione dei compiti statutari e delle delibere assembleari, ne stabilisce le modalità e le responsabilità di esecuzione e controlla l’esecuzione stessa;
b) redige il regolamento interno per l'attività sociale da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea Ordinaria;
c) delibera annualmente sull’entità e sulle modalità di pagamento delle quote associative;
d) redigere il bilancio consuntivo ed il bilancio preventivo da sottoporre all’Assemblea;
e) delibera sulla ammissione dei soci;
f) delibera sulla esclusione del soci in base all’art. 9 del presente Statuto;
g) convoca l’Assemblea Ordinaria dei soci da indire almeno una volta l’anno per l’approvazione del bilancio consuntivo dell’anno precedente e del bilancio preventivo per l’anno in corso;
h) elegge nel proprio seno il Presidente dell’Associazione, il Vice-Presidente ed il Tesoriere.
Tutti gli incarichi sociali sono elettivi e si intendono esercitati a titolo gratuito; tuttavia, il Consiglio Direttivo potrà autorizzare il rimborso delle spese sostenute in nome e per conto dell’Associazione, previa presentazione di regolare documentazione giustificativa.

Art. 15 – Il Presidente
Il Presidente viene eletto dal Consiglio Direttivo, resta in carica per tre anni ed è liberamente rieleggibile.
Per la prima volta la nomina viene effettuata nell’Atto Costitutivo.
Il Presidente dirige l’Associazione, ne è il rappresentante legale di fronte ai terzi ed in giudizio, ed è il soggetto al quale spetta la firma sociale.
Il Presidente verifica l’esecuzione delle delibere del Consiglio Direttivo e dell’Assemblea degli associati e, nei casi di particolare urgenza, può compiere ogni atto necessario per la tutela degli interessi dell’Associazione, salvo successiva ratifica da parte del Consiglio Direttivo.
Il Vice-Presidente sostituisce il Presidente in caso di sua assenza o impedimento temporaneo, ed in quelle mansioni nelle quali viene espressamente delegato dallo stesso.

Art. 16 – Il Tesoriere
Al Tesoriere è demandata la tenuta dell'amministrazione e della contabilità dell'Associazione oltre che della cassa sociale. Può aprire conti correnti presso banche o uffici postali ed operare sugli stessi. Effettua i pagamenti, cura la riscossione di quanto pervenga all'Associazione a qualsiasi titolo e predispone il bilancio consuntivo e preventivo da sottoporre al Consiglio Direttivo.
Con il preavviso di sette giorni, anche durante l'anno sociale, deve rendere al Consiglio Direttivo il rendiconto di cassa ed il conto finanziario.

Art. 17 – Il Collegio dei Revisori
L’Assemblea in seduta ordinaria, qualora lo ritenga opportuno, può  nominare il Collegio dei Revisori.
I revisori sono scelti tra gli iscritti all’Albo dei Revisori Contabili, durano in carica tre anni e possono essere rieletti.
La funzione di revisore è esercitata a titolo gratuito, non essendo prevista alcuna forma di emolumento.
Il Collegio dei Revisori si compone di tre membri effettivi, uno dei quali è il Presidente, e di due supplenti. Al Collegio dei Revisori viene affidato il controllo della regolare tenuta delle scritture contabili, la sorveglianza della gestione amministrativa, il controllo dei libri sociali e dei registri contabili, la verifica di cassa e, presenta una propria relazione all’Assemblea dei soci sui rendiconti contabili annui.
Il Collegio dei Revisori si raduna almeno una volta ogni tre mesi e, una di tali riunioni sarà tenuta nel mese antecedente a quello in cui l’Assemblea Ordinaria sarà chiamata ad approvare il bilancio consuntivo per l’anno precedente ed il bilancio preventivo per l’anno in corso.

Titolo V – DISPOSIZIONI FINANZIARIE

Art. 18 – Esercizio Finanziario
L’esercizio finanziario dell’Associazione ha inizio il primo gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno.
L’Associazione ha l’obbligo di redigere ed approvare annualmente un rendiconto economico e finanziario secondo le disposizioni statutarie.
Il Consiglio Direttivo entro sessanta giorni dalla chiusura dell’esercizio sociale dovrà redigere il bilancio consuntivo dell’anno precedente ed il bilancio preventivo dell’anno in corso, dal quale risulti la situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell’Associazione, da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea Ordinaria.
Il bilancio consuntivo e quello preventivo, redatti nella forma di rendiconto economico e rendiconto finanziario, devono restare depositati in copia presso la sede sociale, oltre che essere pubblicati sul sito web dell’Associazione, durante i quindici giorni che precedono l’Assemblea e fino a quando non siano approvati. Ogni associato ha il diritto di prenderne visione.
Resta fermo l’assoluto divieto di distribuire anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.
Eventuali utili o avanzi di gestione dovranno essere impiegati esclusivamente per il perseguimento dei fini istituzionali dell’Associazione.

Art. 19 – Il Patrimonio
Il Patrimonio dell’Associazione è costituito:
a) dalle quote associative annuali e dai contributi degli associati;

b) dai beni acquistati con i contributi degli associati;

c) da ogni altro genere di entrate comunque pervenute alla stessa.
Tutte le predette entrate dovranno obbligatoriamente essere portate ad incremento del patrimonio associativo e destinate esclusivamente al perseguimento dello scopo sociale.

Titolo VI – DISPOSIZIONI FINALI

Art. 20 – Scioglimento e liquidazione
Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato dall’Assemblea Straordinaria. In caso di suo scioglimento per qualunque causa, il patrimonio dell’ente deve essere obbligatoriamente devoluto ad altra associazione con finalità analoghe o ai fini di pubblica utilità, sentito l’organismo di controllo di cui
all’art. 3, comma 190 della legge 23 dicembre 1996, n. 662, e salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

Art. 21 – Norma di rinvio
Per tutto quanto non previsto dal presente statuto si fa espresso rinvio alla normativa vigente in materia.

Come aderire all'associazione

Ti ringraziamo per il tuo interesse nei confronti di ITPASS.

Qui di seguito trovi tutte le informazioni necessarie per aderire all'associazione.

Se ancora non l'hai fatto, ti invitiamo a leggere con attenzione il nostro Statuto facendo click sulla voce corrispondente del menù laterale. Se invece preferisci leggerlo con comodo, puoi scaricarlo in formato pdf facendo click qui . Il documento è disponibile anche nell'area pubblica della sezione "Archivio".

Modalità di iscrizione

Per associarsi è necessario prima di tutto registrarsi come utente del sito ITPASS.

Puoi registrarti facendo click qui .

Una volta terminata la procedura di registrazione, riceverai un messaggio nella tua casella di posta elettronica, con la richiesta di confermare la registrazione.

Questo è necessario sia per validare l'indirizzo di posta elettronica che avrai specificato, sia per motivi di sicurezza.

Se all'atto della registrazione hai spuntato la casella "Intendo iscrivermi all'associazione", alla successiva sessione del Consiglio Direttivo la tua candidatura verrà valutata (v. art. 6 e art. 14 comma e dello Statuto). Successivamente verrai, tramite e-mail, invitato a procedere al versamento della quota associativa.

Quota associativa

Il Consiglio Direttivo ha deliberato che la quota associativa annuale è pari a euro 60 (sessanta).

 Il versamento della quota associativa conferisce il titolo di socio effettivo per l'anno in corso.

Per il momento accettiamo solo versamenti a mezzo bonifico bancario da effettuare sul conto numero CC8500368672 presso Banca Generali spa, IBAN: IT 29 S 03075 02200 CC8500368672, intestato a

Italian Power Association

via Borgognoni 2

66023 Francavilla al Mare (CH).

Per favore, nella causale del bonifico ricorda di specificare il tuo nominativo e l'anno a cui si riferisce la quota versata.

Trattamento dei dati

LA PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO

In ottemperanza agli obblighi previsti dall'Art.13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196, Codice in materia di trattamento dei dati personali (cd. Codice della Privacy) entrato in vigore il 1 gennaio 2004, con la presente intendiamo informare che l'associazione ITPASS (in seguito l'associazione) sottoporra' a trattamento i dati personali che sono stati o che verranno comunicati. Il trattamento dei dati personali sara' effettuato nel rispetto delle norme in vigore ed alle seguenti condizioni.

1. Finalita' del trattamento

Il trattamento dei dati personali e' diretto esclusivamente al raggiungimento delle seguenti finalita':

  1. per esigenze conseguenti alla richiesta di contatto e per permettere la soddisfazione della stessa richiesta;
  2. per esigenze di tipo operativo e gestionale di questo sito web;
  3. per esigenze di monitoraggio ed elaborazioni statistiche relative all'utilizzo dei servizi prestati con questo sito web.

2. Modalita' di trattamento

Il trattamento dei dati potra' consistere, oltre che nella loro raccolta, nella loro registrazione, conservazione, modificazione, comunicazione e cancellazione; sara' effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici informatici e telematici, secondo modalita' e con mezzi idonei a garantire la sicurezza e la riservatezza dei dati stessi, in conformita' di quanto previsto dagli articoli 31 e seguenti del D.Lgs 196/2003, relativi alle “misure minime di sicurezza per il trattamento dei dati personali”. In particolare, saranno adottate tutte le misure tecniche, informatiche, organizzative, logistiche e procedurali di sicurezza, come previste dal D.lgs 196/2003 e “Allegato B” allo stesso decreto, in modo che sia garantito il livello minimo di protezione dei dati previsto dalla legge. Inoltre, le metodologie applicate garantiscono che l'accesso ai dati sia consentito alle sole persone incaricate al trattamento da parte della Societa'. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

3. Conferimento dei dati

Il conferimento dei dati e' facoltativo, non essendo le finalita' di cui al punto 1 connesse ad obblighi previsti da leggi o da altre normative vincolanti. Quindi l'utente e' libero di fornire i dati personali oggetto dei moduli di raccolta dati, o comunque riportati in contatti agli indirizzi indicati su questo sito; d'altra parte, il loro mancato conferimento puo' comportare l'impossibilita' di evadere eventuali richieste rivolte all'Associazione.

4. Tipo di dati trattati

Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione e' implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilita' in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualita', allo stato i dati sui contatti web non persistono per piu' di sette giorni.

Dati forniti volontariamente dall'utente

L'invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell'indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonche' degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.

Cookies

Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, ne' vengono utilizzati c.d. cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e svaniscono con la chiusura del browser) e' strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.

5. Comunicazione e diffusione dei dati

La comunicazione all'esterno dei dati personali raccolti per le finalita' di cui al punto 1 potra' avvenire solo dove tale comunicazione sia necessaria per assicurare la corretta instaurazione e/o prosecuzione del rapporto intrattenuto. I dati personali raccolti per il raggiungimento delle finalita' sopra indicate potranno essere comunicati, per quanto di loro specifica competenza, a soggetti privati, persone fisiche e/o giuridiche con attivita' di gestione dei sistemi informativi e/o di consulenza. I dati potranno, altresì, essere diffusi ma solo in forma aggregata, anonima e per le finalita' di cui al punto 1, comma c).

6. Diritti dell'interessato

Ai sensi dell'art. 7 del D.lgs 196/2003, si ha diritto, tra l'altro, di:

ottenere conferma dell'esistenza o meno di dati personali che La/Vi riguardano e la loro comunicazione in forma intelligibile;

ottenere, a cura del Titolare o del Responsabile del trattamento:

  • indicazioni sull'origine dei dati personali, sulle finalita' e sulle modalita' del trattamento, sulla logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
  • indicazione degli estremi identificativi del Titolare del trattamento e dei Responsabili, nonche', eventualmente del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5, comma 2, del D.lgs 196/2003; indicazioni circa i soggetti o le categorie di soggetti a cui i dati possono essere comunicati o che possono venire a conoscenza degli stessi in qualita' di rappresentante designato sul territorio dello stato, di responsabili o incaricati;

ottenere:

  • l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dati che Vi/La riguardano;
  • la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono 3 stati raccolti o successivamente trattati;
  • l'attestazione del fatto che le operazioni di cui ai punti immediatamente precedenti sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, salvo il caso in cui tale adempimento risulti impossibile o comporti l'impiego di mezzi manifestamente sproporzionati rispetto al diritto tutelato;

opporsi, in tutto o in parte:

  • per motivi legittimi, al trattamento dei dati che La/Vi riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
  • al trattamento dei dati personali che La/Vi riguardano, previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta ovvero per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

I diritti che precedono, possono essere esercitati sia direttamente, sia tramite un incaricato, nelle forme previste degli artt. 8 e 9 del D.lgs 196/2003.

7. Titolare e Responsabile

Confermiamo, inoltre, che Titolare del trattamento e' l'Associazione ITPASS, nella persona del legale rappresentante, con sede legale ed operativa in Pescara, in Via Silvio Pellico n.28/1. Il Titolare del trattamento dei dati e' raggiungibile attraverso i normali canali postali oppure via e-mail all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

8. Consenso al trattamento

In ultimo, informiamo che la prestazione del consenso al trattamento dei dati personali con le modalita' e per le finalita' sopra illustrate e' facoltativa. In caso di un diniego del consenso, l'Associazione, i consulenti e le societa' ad esso riconducibili non potranno in nessun modo trattare i dati personali conferiti, con le possibili conseguenze descritte al punto 3 che precede. Per tale ragione, poiche' il D.lgs 196/2003 prevede che il trattamento dei dati personali sia effettuato solo con il preventivo ed informato consenso dell'interessato, fatti salvi i casi di esclusione specificamente indicati dal Codice stesso, preghiamo di voler accettare (tramite i tasti in coda al modulo di contatto) questa informativa come attestazione di ricevuta delle informazioni in essa contenute nonche' come esplicita espressione del consenso al trattamento dei dati personali conferiti, pena il mancato completamento della corrente procedura di richiesta di contatto.

Common Europe

Le origini

Common iniziò la sua attività nei primi anni '60 del XX secolo a Chicago, quando un piccolo gruppo di persone si riunì attorno ad un tavolo da cucina per cercare di risolvere un comune problema di scrittura di codice di programmazione su un sistema IBM 1620 (di qui il nome Common= interesse comune).

Quello fu il primo meeting Common.

Parallelamente, più o meno nello stesso periodo, in Svizzera tre utenti IBM sentirono l'esigenza di unirsi e così diedero vita all'attuale Common Europe.

Da allora i gruppi e le organizzazioni Common sono cresciuti in tutto il mondo, la frequenza dei meeting è aumentata ed oggi   tali gruppi costituiscono un elemento aggregante per tutti gli utenti dei sistemi IBM.

Che cos'è oggi

Common è la più estesa associazione “professionale” no-profit di utenti (intesi come fruitori di tecnologia) in ambito midrange IBM e rappresenta oltre 20.000 professionisti ICT.

Fornisce formazione indipendente, certificazione, sostegno e collegamento (networking) tra utenti, IBM e fornitori di soluzioni di terze parti (ISV)

Visione strategica

Essere leader riconosciuto ed attivo per fornire sostegno, networking ed istruzione alla comunità globale del business computing

Mission

Un'organizzazione mondiale comprendente professionisti del Power Systems Business Computing che :

- Eroghi istruzione ed aggreghi contenuti andando incontro alle necessità dei soci

- Fornisca una riconosciuta certificazione professionale

- Agevoli il networking e la collaborazione per costruire la comunità

Common Europe

E' un'organizzazione 'ad ombrello' che raggruppa le associazioni nazionali (ITPASS per l'Italia) di una gran parte dei paesi europei, oltre Israele.

 Gli scopi ed i propositi di Common Europe (CE) sono:

 - Incoraggiare i membri a scambiare fra loro esperienze ed informazioni relative all'uso di IT

- Offrire ai propri membri un'istruzione avanzata e training in ambito IT

- Influenzare la strategia IBM per lo sviluppo del prodotto e dei livelli di servizio attraverso un formale processo di richiesta

- Incoraggiare un dialogo aperto e continuativo tra i membri e IBM

- Influenzare la messa a punto degli standard internazionali nell'interesse dei propri membri

 Common Europe si impegna a sostenere i paesi membri nel raggiungimento della loro mission a livello nazionale. Nello specifico, l'organizzazione mantiene contatti a livello internazionale ed accessi nell’attuale mondo economico globalizzato.

Pensare globalmente, agire localmente

A livello locale i membri hanno spesso bisogno di soluzioni veloci e semplici per risolvere i problemi di ogni giorno e comunicare nella lingua nativa è spesso più semplice: solo una struttura nazionale/locale può offrire questa facilitazione. Inoltre queste attività possono adeguarsi alle culture e gusti nazionali. Le attività offerte nei vari paesi variano in relazione alla geografia ed alla situazione economica. Paesi più grandi spesso organizzano conferenze di alcuni giorni con esposizioni e agende multistream, mentre paesi più piccoli potrebbero preferire qualcosa di più semplice. A livello europeo la lingua ufficiale è l'Inglese.

Una volta all'anno, Common Europe organizza un congresso internazionale in uno dei paesi membri al quale sono invitati gli associati di tutti i paesi.

Al CE è affidato il compito di formare un consiglio consultivo che consiste in un campione rappresentativo di tutti gli utilizzatori finali. Questo consiglio conosciuto come Consiglio Consultivo del CE (CEAC) è usato come forum per dialogare con IBM su problemi strategici ed a lungo termine.

CE è anche parte di un forum mondiale, Common International , che può essere usato per portare dove necessario l'influenza della comunità globale di utenti

Il Congresso annuale

Organizzato ogni anno in un differente paese membro, il Congresso internazionale del Common Europe (CEC) offre un'opportunità unica per incontrare colleghi di tutta Europa che condividono gli stessi interessi e per guardare oltre i propri confini geografici, entrando in contatto con le culture di altre nazioni. E' possibile parlare con gli sviluppatori di hardware e di software ed ascoltare docenti referenziati e di esperienza internazionale. Qui si può ottenere il massimo beneficio dalle esperienze di altri utenti e dalle notizie più recenti da parte di IBM .

Il CEC offre una dimostrazione dell'ultima tecnologia IBM e del software sviluppato per i sistemi IBM.

Dal 2013 il Common Europe Congress cambia nome diventando European Power Summit (EPS).

Requirements

Ogni membro è invitato a presentare suggerimenti per il miglioramento dei prodotti e dei servizi IBM. Il Common Europe Advisory Council (CEAC) raccoglie, filtra e dà priorità a queste richieste e le promuove affinché il laboratorio IBM competente le prenda in considerazione. Così, unite le forze, tutti i membri hanno una voce più forte nell'influenzare lo sviluppo dei prodotti e dei servizi di cui hanno bisogno.

 

Top Concerns

E' un sondaggio condotto ogni anno con due modalità:

  •  su web a marzo-aprile
  •  su carta in occasione del congresso annuale

Il suo scopo è quello di far emergere le principali preoccupazioni della comunità Power in modo da poterle condividere con i membri, con IBM e con i suoi partner fornitori di infrastrutture e soluzioni IT.

I risultati, aggregati in vario modo, possono costituire un'interessante spunto per valutare lo stato della comunità Power e trarne ispirazione per la propria condotta professionale in termini di skill e/o soluzioni potenzialmente richieste dal mercato.

Qui di seguito il link del sondaggio Top Concerns

Qui di seguito il link al sito ufficiale di Common Europe